PSR REGIONE LAZIO

BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE LAZIO
 ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA,
 DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE CACCIA E PESCA
 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE RURALE DEL LAZIO 2007/2013
 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05
 MISURA 133
 per la presentazione di proposte progettuali “Sostegno alle Associazioni di produttori per le attività di promozione e
 informazione riguardanti i prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentare”
 TITOLO DEL PROGETTO: GIRO D’ITALIA
 MUD: 8475921159 CUA: 01284660592

Link : Progetto Giro D’Italia PSR LAZIO 2007/2013
Il progetto “GIRO D’TALIA” è stato ideato e promosso da quattro aziende agricole per la promozione dei vini IGT Lazio, Olio Sabina Dop e prodotti biologici di qualità certificata, ovvero olio e ortaggi, attraverso l’utilizzo della misura di auto 133.
Le aziende riunite in Associazione Temporanea di Scopo “Il Piacere della Tavola”, costituita dalla Soc. Coop. AGRI IUVENIA in qualità di Ente Capofila, dall’ Azienda Agricola Daniela Capulli, dall’ Azienda Agricola Di Carlo Antonio ditta individuale, e dall’ Azienda Agricola Tesei Marcello ditta individuale hanno partecipato alla banditura della Regione Lazio per Mis. 133 del PSR Lazio, che pone come obiettivo la sensibilizzazione del consumatore sulle caratteristiche di prodotti agricoli, ottenuti nell’ambito dell’adesione a sistemi di qualità riconosciuti, per promuovere la conoscenza dei prodotti di qualità certificata IGT, DOP e prodotti ottenuti mediante l’agricoltura biologica.
I prodotti promossi attraverso il “GIRO D’TALIA” sono:

VINI IGP LAZIO:
I vini promossi per l’IGP Lazio dal componente dell’ATS Azienda Agricola Antonio Di Carlo, sono frutto di una tradizione familiare decennale. I terreni situati ai piedi del monte Terminillo, a 650 metri sul livello del mare, presentano un habitat davvero ottimale per la coltivazione dell’olivo e della vite. La tenuta si estende per 8 ettari di cui 5 coltivati a vite, ove sono stati impianti quarantennali di Sangiovese, Violone e Malvasia, ed un vecchio clone di Cesanese. Si producono 20.000 bottiglie che diventeranno 30/35.000 a piena produzione.
I vini prodotti e promossi sono:
Connubio del Castello Malvasia Lazio Igp 2013
Il Bandolo della Matassa Rosato Igp Lazio 2013
Camposevero Lazio Igp Rosso 2012
Vigna Il Cerqueto Merlot Lazio Igp Rosso 2012
L’ultimo Baluardo Cesanese Lazio Igp Rosso 2011
Riesling Igp 2013
Le feritoie Malvasia Lazio Igp 2012
Se bo be bi Malvasia Passito Igp 2012

VINO IGT LAZIO:
Il vino IGT Lazio è promosso dalla coop. Agricola Agri Iuvenia, che opera da anni nei territori della campagna di Cori, specializzandosi nella produzione di ottimi vini.
Seguendo l’evoluzione del gusto del consumatore, gli impianti sono stati predisposti per elevare lo standard qualitativo e creare così un ottimale rapporto tra qualità e prezzo. Nell’ambito di questa filosofia produttiva, i nuovi vigneti sono ad alta densità con oltre 4000 ceppi per ettaro con una bassa resa per pianta: due chilogrammi per i rossi, due chilogrammi e mezzo per i bianchi.
L’azienda da anni collabora con prestigiosi istituti specializzati nella ricerca viticolo-enologica quali: Istituto di Conegliano Veneto e l’Istituto Sperimentale per l’Enologia di Asti sezione di Velletri, avvalendosi di queste esperienze congiunte si è sempre mantenuta all’avanguardia nel settore.
L’azienda ha messo a dimora numerose cultivar di viti di pregio ed ha reimpiantate le tradizionali varietà di uva presenti nelle colline dei Castelli Romani e nei vigneti del comune di Cori. I vigneti sono orientati da Sud a Nord a trecento metri sul livello del mare per un ottimale maturazione delle uve e allevati a cordone speronato e guyot.
I vitigni sono: Nero Buono di Cori, Montepulciano, Merlot, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot, Shiraz, Falanghina, Malvasia del Lazio, Grechetto, Bellone, Chardonnay.
La cantina è di ultima generazione, con controllo della temperatura, per esaltare l’eccellente materia prima messa a disposizione dai vigneti aziendali partendo dalla vinificazione fino all’imbottigliamento. La continua ricerca della qualità del vino prodotto, ha caratterizzato l’operato della cooperativa dal momento della costituzione ad oggi, tanto è vero che svolge il ruolo di con feritore anche da parte di altre aziende agricole

OLIO DI OLIVA SABINA DOP:
La produzione di questo prezioso alimento – per il quale da alcuni anni la Sabina ha ottenuto il riconoscimento della D.O.P. (Denominazione di Origina Protetta) – rappresenta uno dei maggiori elementi di attrazione dell’area. Nell’azienda di Marcello Tesei ditta individuale, l’olio extravergine è ottenuto dalle olive per sola spremitura meccanica; nella lavorazione non sono presenti trattamenti industriali, a differenza degli oli ottenuti con trattamenti industriali (come l’estrazione con solvente) o per miscelazione di oli meccanici con oli industriali (oli di sansa, di sansa e di oliva,…). L’olio extravergine si ottiene anche per miscelazione di extravergine con il vergine (riportando i parametri nei valori prescritti). Questa tipo di lavorazione (per spremitura) differenzia nettamente gli oli anche da un punto di vista chimico: attraverso le analisi chimiche viene stabilito come primo obiettivo di riconoscere la genuinità del prodotto. Altre analisi chimiche hanno come obiettivo quello di mettere in evidenza la qualità del prodotto, in base alle sostanze contenute: vitamine, sostanze antiossidanti, polifenoli, acidi grassi, ecc… L’Olio prodotto dalla ditta Marcello Tesei, per rispettare i parametri definiti per ottenere la denominazione DOP si ottiene esclusivamente per spremitura a freddo, da olive raccolte direttamente sulla pianta, entro e non oltre le 48h dalla raccolta alla spremitura. L’olio prodotto ha un colore giallo oro dai riflessi verdi, il suo sapore e’ aromatico e l’acidità massima è pari allo 0,60%. La certificazione D.O.P. Sabina viene rilasciata dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma che ne certifica i seguenti aspetti:
– l’origine della produzione
– il processo produttivo e di trasformazione
– il prodotto ottenuto

Olio Biologico Sabino e degli ortaggi ottenuti con il metodo dell’agricoltura biologica:
I prodotti agricoli certificati dalla SIDELcab, ottenuti esclusivamente con metodo biologico, sono promossi dall’azienda Azienda Agricola Daniela Capulli. Attualmente la produzione è incentrata sull’ olio extravergine sabino e sugli ortaggi stagionali nel rispetto dei cicli naturali. L’olio extravergine è ottenuto dalle olive raccolte con metodi tradizionali e spremute a freddo con sistemi meccanici. Gli ulivi, della varietà “carboncella”, sono coltivati su terreno calcareo in forte declivio ad oltre 500 m di altitudine. Queste condizioni assicurano una elevata qualità con ottime caratteristiche organolettiche ed acidità pressoché nulla. Nella piana alluvionale del torrente Aia, in località Galantina, è impiantato l’orto biologico, la cui irrigazione è assicurata da una sorgente naturale interna all’azienda. I prodotti vengono coltivati in piena aria selezionandoli in base ai cicli stagionali, tra i quali l’anguria classica striata, basilico, bietola a coste, broccoletti, broccolo romanesco, broccolo siciliano e broccolo verde, canasta rossa, carciofo romanesco, cavolo nero toscano, cavolfiore bianco, cavolo cappuccio,cavolo verza, cetriolo lungo, cicoria puntar elle, cicoria selvatica, cipolla dorata, prezzemolo, fagioli borlotti, fagiolini, fave, finocchi, fiori di zucchina, indivia, insalata foglia di quercia, lattuga romana, melanzana lunga nera, zucchine, patate, pomodori varie qualità.

Nel Piano sono proposte le attività rispondenti agli obiettivi del PSR, quale principale strumento di programmazione e finanziamento per gli interventi nel settore agricolo, forestale e dello sviluppo rurale, disciplinato dal Regolamento (CE) 1698/2005 che disciplina il sostegno allo sviluppo rurale da parte del Feasr (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale). In risposta allo specifico ambito di intervento, GIRO D’ITALIA propone occasioni di incontro tra i produttori del Lazio, per coinvolgere i consumatori e gli esperti dei prodotti enogastronomici al confronto con la realtà produttiva, per acquisire nuove conoscenze riguardo il consumo dei prodotti di qualità.
Il progetto prevede:seminari, visite guidate in azienda, con degustazione dei prodotti

  • seminari, visite guidate in azienda, con degustazione dei prodotti per l’informazione sui sistemi di produzione biologico;
  • attuazione di percorsi educativi e didattici rivolti agli studenti;
  • partecipazione a manifestazioni, fiere, esposizioni ed eventi di importanza nazionale ed eventualmente europea.
  • creazione di eventi di degustazione sia nella propria azienda che all’estero.